Benvenuto nel portale F.I.C.E.I.
Contattaci al 06.6991610 o via mail a informazioni@ficei.it

Nuovo bando Macchinari innovativi

Nuovo bando Macchinari innovativi

Cosa è

Il nuovo bando Macchinari innovativi promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico sostiene la realizzazione, nei territori delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, di programmi di investimento diretti a consentire l’ammodernamento e la trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa ovvero la transizione del settore manifatturiero verso il paradigma dell’economia circolare.

Beneficiari

Possono beneficiare dell’agevolazione le micro, piccole e medie imprese (PMI), che intendano realizzare i relativi programmi d’investimento all’interno di un’unità produttiva localizzata nei territori regionali sopra richiamati.

Possono accedere alle agevolazioni anche i liberi professionisti iscritti agli ordini professionali o aderenti alle associazioni professionali individuate nell’elenco tenuto dal Ministero dello sviluppo economico.

Anche i raggruppamenti di imprese costituiti da un massimo di sei soggetti co-proponenti e che realizzano programmi di investimento caratterizzati da comuni obiettivi di sviluppo (anche all’interno di un consorzio industriale) possono beneficiare delle agevolazioni del bando.

Sono ammesse alle agevolazioni tutte le imprese attive da almeno due anni che operano nel settore manufatturiero e dei servizi per le imprese con alcune limitazioni per settori specifici (siderurgia, trasporti, cantieristica navale, produzione e distribuzione di energia e gestione delle relative infrastrutture energetiche).

Progetti ammissibili

I programmi di investimento ammissibili devono:

  • prevedere spese non inferiori a euro 400.000,00 e non superiori a euro 3.000.000,00. Nel caso di programmi presentati da aggregazioni d’impresa, la soglia minima può essere raggiunta mediante la sommatoria delle spese connesse ai singoli programmi di investimento proposti dai soggetti aderenti alla rete, a condizione che ciascun programma preveda comunque spese ammissibili non inferiori a euro 200.000,00;
  • prevedere l’acquisizione di tecnologie abilitanti atte a consentire la trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa e/o di soluzioni tecnologiche in grado di rendere il processo produttivo più sostenibile e circolare.

I programmi d’investimento potranno riguardare, a titolo esemplificativo e non esaustivo, tutti gli interventi di manufacturing 4.0, i sistemi per la raccolta, il trattamento dei rifiuti, il recupero dei materiali, lo smart packaging, i sistemi per il controllo della qualità dei processi produttivi, le tecnologie basate sull’uso di sistemi di stampa in 3D, realtà aumentata, sistemi di simulazione, internet-of-things, sistemi ed applicazioni di cybersecurity, cloud computing, big data analytics, processi di integrazione industriale e produttiva, sistemi di simulazione e di office automation.

I beni oggetto del programma di investimento devono essere nuovi e riferiti alle immobilizzazioni materiali e immateriali, come definite agli articoli 2423 e seguenti del codice civile, che riguardano macchinari, impianti e attrezzature strettamente funzionali alla realizzazione dei programmi di investimento, nonché programmi informatici e licenze correlati all’utilizzo dei predetti beni materiali.

Tipologia ed intensità massima

Le agevolazioni sono concesse nella forma del contributo in conto impianti (fondo perduto) e del finanziamento agevolato, per una percentuale nominale calcolata rispetto alle spese ammissibili pari al 75 %. Il mix di agevolazioni è articolato in relazione alla dimensione dell’impresa come segue:

  • per le imprese di micro e piccola dimensione, un contributo in conto impianti pari al 35% e un finanziamento agevolato pari al 40%;
  • per le imprese di media dimensione, un contributo in conto impianti pari al 25% e un finanziamento agevolato pari al 50%.

Il finanziamento agevolato, che non è assistito da particolari forme di garanzia, deve essere restituito dall’impresa beneficiaria senza interessi in un periodo della durata massima di 7 anni a decorrere dalla data di erogazione dell’ultima quota a saldo delle agevolazioni.

Informazioni ed assistenza

FICEI nell’ambito del SEI – Servizio Europa Imprese offre questa scheda informativa al fine di incoraggiare i Consorzi ed Enti industriali associati a sviluppare una nuova attenzione ai vantaggi offerti dai fondi U.E., coadiuvandoli nella ricerca e nella partecipazione alle opportunità di finanziamento disponibili di interesse delle imprese. In tale contesto, SEI è dotato del supporto tecnico in grado di offrire alle imprese interessate l’assistenza necessaria alla presentazione delle domande di accesso alle agevolazioni pubbliche ed alla gestione degli adempimenti amministrativi conseguenti.

Per maggiori informazioni rivolgersi al dr. Mario Battello tramite il servizio informazioni@ficei.it